Pensieri

Ti senti realizzato?

La cosa fondamentale non è correre e affannarsi, ma diventare consapevole che solo facendo ciò che d’instinto ci attrae, frequentando le persone che ‘a pelle‘ riteniamo interessanti potremo far germogliare il seme del nostro talento

[Realizzazione] soddisfacimento delle proprie aspirazioni: fisiologiche, personali, affettive, creative o professionali.

Questa sera condivido un pensiero che mi è venuto dopo aver letto un capitolo di un libro molto interessante sulla psicologia delle emozioni.

Ho scopero che realizzazione è sinonimo di soddisfacimento, essere in pace con se stessi. Ho imbarcato un pensiero che segue la teoria che ognuno di noi ha un piccolo ‘mondo’ dentro di se. Questo mondo racchiude la nostra vera persona con tutte le nostre caratteristiche più pure.

Da bambini era questo mondo che ci guidava. Andando avanti sono apparsi strati di tende, che una sull’altra con il tempo l’hanno quasi nascosto tra i nostri abissi. Questo mondo mi piace chiamarlo anima. Chi pensi che ti parli quando segui il tuo istinto?

Credo che noi da piccoli eravamo noi stessi al 100%. L’anima respirava liberamente a polmoni aperti.

In questa vita dove la mente è ormai offuscata da agenti inquinanti lanciati a noi dal mondo esterno, quanto è importante seguire il proprio istinto? Se esso è bocca del nostro animo, è lui la porta per la via verso la realizzazione?

Mi sono detta che da ora in poi proverò a lasciarmi molto più andare, a prendere decisioni a pelle, a fare ciò che mi diverte e che mi intriga. Aver preso il biglietto aereo per un’altra nazione ed essermi imbarcata da sola, vivendo ogni giornata a mille, seguendo la mia curiosità e la mia voglia di vivere è stata per me la prova che i passi per la mia realizzazione sono diretti nella direzione giusta.

E i tuoi?

 

[Libro citato: Dizionario della Felicità, Raffaele Morelli]

Pensieri, Poesie

Il tramonto lontano da casa

IMG_4188

L’odore familiare mi è entrato dentro prima ancora che la mia mente potesse realizzare. Il corpo ha fatto da sè, ha sentito il richiamo cosí forte di casa che non son riuscita a controllarlo. Ci ha presi a tutti e due di sorpresa.

Il mare.. il suo profumo.. particelle piccoline, indomabili, ti entran dentro, inconfondibili. Il riflesso del sole sull’acqua che accarezza la riva, mi acceca dal mondo intorno a me, mi incanta, disorienta, mi porta con sè nello splendore della sua natura.

il sole si è posato dietro la collina lasciandosi dietro una scia dorata che rende l’atmosfera magica. Crea colori gentili sull’acqua del mare, azzurro che si sposa con il lilla, sfilacci delicati di nuvole riposano all’orizzonte. I fiori gialli sulla collinetta stanno sbocciando, presto la faran risplendere, con l’alzar del sol splendente di primavera.

L’attenzione mi si rivolge verso il mare, è cosí forte. Mi prende e mi travolge tra le sue onde che pizzicano le mie corde emotive. Mi fanno piangere, mi fan sorridere, mi fan sentire a casa, mi fan mancare casa.

 

Mai questa bellezza sfuggirà agli agli occhi miei

mai nella vita so che tutto ciò mi lascerà

come un’onda va via

ma torna indietro

ci sarà sempre un tramonto verso ovest

ed un mare sulla costa

sono sola qui con te

ma di nient’altro io ho bisogno

i tuoi riflessi dorati sulla riva mi abbagliano

come sassolini vengo travolta

dalla tua immensità

ovunque io sia

tornerò

perchè so che tu

mi accoglierai.

Pensieri

Soli come puntini sparsi nel nulla

Questo è un pensiero che ho avuto un pò di tempo fa e che ho annotato nel mio diario. Oggi l’ho riletto e ora come ora può sembrare un po triste ai miei occhi, ma ciò che ho scritto è qualcosa che provavo profondamente, in un certo periodo. È strano quante volte ci sentiamo inondati dai nostri sentimenti e crediamo che sia la fine del mondo. Poi con il passar del tempo ci guardiamo indietro e proviamo una leggera compassione per il noi di quel periodo, per la Giulia di quel momento. Ci sentiamo cresciuti, maturati e ciò a cui pensiamo è come quei momenti abbiano inspessito la corazza che indossiamo in questo momento.

Bhè tagliando corto, essere lontani da casa e soli per la maggior parte del tempo ti può rendere più vulnerabile, più fragile a momenti. E decisamente ti da tempo per pensare, tanto tempo.

“Ho imparato che è normale sentirsi soli, siamo tutti soli. Alcuni se ne accorgono e danno al pensiero più spazio nella mente. Mentre altri, i beati, vivono nella serena ignoranza. È la verità, siamo tutti lasciati a noi stessi, siamo individui, ognuno con un proprio mondo dentro di se. Nessuno ci può capire. Nessuno mi può capire. Siamo tutti dei puntini sparsi nel nulla, e ciò che abbiamo in comune ci avvicina l’uno all’altro. Come calamite. Siamo cosí vicini ma irraggiungibili allo stesso tempo, come se rinchiusi in stanze di vetro trasparente, uno di fianco all’altro.

15204101_1258494410860233_283209726_o

Sotto tutte le coperte, veli, filtri, siamo soli, soli con la nostra mente. L’unico vero aiuto che possiamo ricevere può venire solo dal nostro mondo.”

Pensieri

Cascata di parole

Vorrei sparire, puf all’improvviso, senza far rumore ed senza esser notata, sparire e ritrovarmi tra le braccia di un’amico in posto molto lontano da qui. Vorrei il calore del sole sul viso, e il suono di onde che mi culla la mente. Vorrei il buio, buio mentale, vuoto, pace, tempo niente. Il niente, ma il tutto. Menefreghismo alle stelle, che creano costellazioni in un mare di blu da far illuminare gli occhi, due lucenti scintille che si tengono per mano in una stanza a forma di cuore. Rosso intenso, rosso dolce, che ti tiene e non ti lascia, ti culla, ti afferra e non ti lascia andare, qualunque cosa accada. Voglio sicurezza, incondizionata. Incondizionata.

Poesie

Tasca della giacca

Lacrime al buio

Cercano conforto

Cercano una superfice su cui posarsi

Ma è buio

 

Al buio non vedi

Al buio senti

Senti anche i minimi bisbigli

Quelli che alla luce son coperti

Dal suon di distrazioni.

Al buio sei impotente

Schiava di quelle emozioni

Che avevi nascosto

nella tasca della giacca

durante il cammino

emozioni delle quali non ti sei mai

sbarazzata

la notte è sovrana